Skip to content

La doppia faccia della valutazione clinica

Produrre un report di valutazione clinica conforme ai requisiti di legge può sembrare un processo non molto oneroso, ma non è così.

Picture of Paola Gallon

Paola Gallon

Medical Writing & Scientific Communication Manager
Valutazione clinica

Il Regolamento (UE) 2017/745 definisce la valutazione clinica come un processo sistematico e programmato atto a produrre, raccogliere, analizzare e valutare in maniera continuativa i dati clinici relativi a un dispositivo per verificarne la sicurezza e le prestazioni, benefici clinici compresi, quando è utilizzato come previsto dal fabbricante.

In uno dei nostri articoli abbiamo parlato dell’importanza della valutazione clinica; ora vediamo nel dettaglio in cosa consiste e analizziamo questa sua natura dualistica.

A prima vista, può sembrare che produrre un report di valutazione clinica (Clinical Evaluation Report – CER) conforme ai requisiti di legge non sia un processo molto oneroso. Ma, dopo essersi soffermati sui singoli concetti espressi dalla normativa, le cose cambiano.

1- È un processo sistematico e programmato. Programmare non è mai una cosa semplice. Vuol dire cercare di “prevedere il futuro”, immaginando, quindi, strategie diverse che – nel complesso – permettano di portare a casa il risultato. La faccenda si complica ulteriormente se a ciò aggiungiamo che deve essere anche sistematico: questo presuppone che venga creato un vero e proprio metodo.

2 – Atto a produrre, raccogliere, analizzare. Lo sforzo che viene richiesto al fabbricante è di triplice natura: non basta raccogliere i dati, bisogna produrli (attivamente) e analizzarli. In questo senso quindi una valutazione clinica è una vera e propria sfida, che deve essere affrontata in maniera minuziosa e dettagliata (oltre che programmata, per l’appunto!).

3 – Valutare in maniera continuativa i dati clinici relativi a un dispositivo. La questione è ancor più articolata, se consideriamo che questo deve essere fatto per tutto il ciclo di vita del dispositivo: non basta redigere un report di valutazione clinica una volta e “accantonarlo” in un cassetto, la valutazione clinica va mantenuta “in vita” continuamente.

4 – Per verificarne la sicurezza e le prestazioni. Questo è il principio cardine alla base di ogni valutazione clinica: un dispositivo non può esistere se safety e performance non sono garantite!

5 – Benefici clinici compresi. Ogni claim clinico può esistere se, e solo se, supportato da dati certi. Ed è il fabbricante che lo deve dimostrare. Ebbene sì, tutto deve essere dimostrabile e dimostrato.

La valutazione clinica può sembrare semplice, ma in realtà gli aspetti che devono essere considerati sono molteplici e nulla può essere lasciato al caso – ha una doppia faccia, per l’appunto. Ma non preoccupatevi, una gap-analysis può aiutarvi a capire il grado di solidità della vostra valutazione clinica attuale e individuare le lacune da colmare. 

Picture of Paola Gallon

Paola Gallon

Medical Writing & Scientific Communication Manager

I nostri servizi associati a questo tema

Iscriviti alla newsletter di Clariscience

Articoli consigliati

Dal 1° gennaio 2021 sono entrate in vigore alcune modifiche legate alle modalità di immissione dei dispositivi medici sul mercato…
L’FDA pone attenzione all’interazione tra utilizzatore e dispositivo medico. Per poter commercializzare un dispositivo medico negli Stati Uniti è necessario…
La valutazione biologica è un aspetto cruciale dello sviluppo dei dispostivi medici, e pertanto andrebbe affrontata per la prima volta…
Il Procedure Pack File dei sistemi e kit procedurali di DM come anche la Documentazione Tecnica dei kit IVD rappresentano…

Desideri avere maggiori informazioni sui nostri servizi?

Invia la tua domanda per l’evento Q&A di Clariscience dedicato agli affari regolatori

Il 27 giugno alle 11:30 risponderemo alle tue domande in diretta

SERVIZI

Desideri avere maggiori informazioni sui nostri servizi.

ABOUT US

Corporate

Scopri quali sono i valori alla base della nostra azienda, l’ecosistema all’interno del quale operano le persone che lavorano con noi, l’approccio che adottiamo nel rapporto con il cliente e le iniziative liberali selezionate e sostenute negli anni.

Work with us

Informati su eventuali posizioni aperte, invia la tua candidatura spontanea e scopri quali sono le caratteristiche dei profili professionali di chi già lavora con noi.

Programma segnalatori

Se operi nel settore life science, c’è una nuova opportunità che ti aspetta. Partecipando al Clariscience Referral Program potrai mettere a frutto economicamente la tua esperienza e la tua rete di contatti.

Desideri avere maggiori informazioni sui nostri servizi?