Skip to content

L’etichettatura di un dispositivo medico: le norme di base.

L’etichettatura di un Dispositivo Medico è una componente essenziale affinché sia chiaro quale sia la destinazione d’uso del dispositivo, e questo sia quindi impiegato in modo sicuro ed efficace. Per sviluppare un’etichettatura adeguata, è necessario conoscere i requisiti di etichettatura applicabili ai dispositivi medici

Picture of Sara Simoncioni

Sara Simoncioni

Regulatory Affairs Executive
L'etichettatura di un dispositivo medico

Qualsiasi dispositivo medico deve essere corredato dalle informazioni indispensabili che garantiscano la corretta identificazione:

  • del dispositivo,
  • del fabbricante,
  • della sua destinazione d’uso,
  • delle modalità per un utilizzo sicuro, tenuto conto della formazione e conoscenze dei potenziali utilizzatori.

Tali informazioni figurano

  • nelle etichette, dove per “etichetta” si intende qualunque tipo di informazione scritta, stampata o grafica che compaia sul dispositivo medico stesso, e/o sul confezionamento unitario e/o sul confezionamento di più dispositivi (imballaggio commerciale);
  • nelle istruzioni per l’uso (IFU), fornite assieme al dispositivo in formato cartaceo. A titolo di eccezione, le IFU possono non essere fornite per i dispositivi appartenenti alle classi I e IIa se tali dispositivi possono essere utilizzati in modo sicuro senza tali istruzioni.

Etichette e istruzioni per l’uso costituiscono assieme l’etichettatura del dispositivo medico.

Sia il Regolamento (UE) 2017/745 (MDR) che la Direttiva 93/42/CEE definiscono in maniera chiara e puntuale le informazioni che devono essere fornite con un dispositivo medico. I requisiti riguardanti le informazioni fornite dal fabbricante con il dispositivo sono infatti parte integrante dei Requisiti Essenziali della Direttiva, e dei Requisiti Generali di Sicurezza e Prestazione (GSPR) del Regolamento, elencati nei rispettivi Allegati I.

Tuttavia, come si può evincere dai due testi normativi a confronto, il Regolamento contiene un maggior numero di requisiti per quanto riguarda l’etichettatura, ed introduce inoltre dei nuovi requisiti per specifiche tipologie di dispositivi medici, come i dispositivi impiantabili o i dispositivi che contengono sistemi elettronici programmabili, compreso un software.

Nota: I dispositivi Legacy continuano ad essere conformi alla Direttiva – inclusi i Requisiti Essenziali di etichettatura – per tutta la durata del loro certificato.

Da non tralasciare vi sono inoltre i requisiti linguistici. L’articolo 10 del MDR, riguardante gli obblighi dei fabbricanti, dispone infatti che i fabbricanti forniscano le informazioni indicate all’Allegato I, paragrafo 23, in una delle lingue ufficiali dell’Unione stabilita dallo Stato membro in cui il dispositivo è messo a disposizione dell’utilizzatore o del paziente. Ciò implica la necessità tradurre le informazioni riportate sottoforma di testo in almeno una delle lingue ufficiali accettate da ciascuno degli Stati membri in cui è prevista la vendita del dispositivo, definite dagli ordinamenti nazionali.

Per quanto concerne l’Italia, il Decreto Legislativo del 5 agosto 2022, n. 137, recante le disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2017/745, ha stabilito che le informazioni relative a qualsiasi dispositivo medico, sia esso per uso professionale o per qualsiasi altra utilizzazione, fornite per iscritto dal fabbricante all’utilizzatore e al paziente conformemente all’Allegato I, paragrafo 23, del Regolamento, debbano espresse in lingua italiana.

L’etichettatura dei dispositivi è dunque una materia articolata che può impattare aspetti organizzativi e processi aziendali critici per le attività commerciali.

Con l’avvento dell’MDR, è necessario analizzare accuratamente i nuovi requisiti regolatori e rivedere il processo di etichettatura e le procedure che lo governano.

Nel compiere questi passaggi, oltre ai requisiti regolatori, è molto importante tenere in considerazione gli standard che affrontano questioni legate all’etichettatura. A questo riguardo, è opportuno considerare almeno due standard di carattere generale, applicabili a tutti i dispositivi medici, quali:

  • EN ISO 20417:2021 Medical Devices – Information to be supplied by the manufacturer.
  • EN ISO 15223-1:2021 Medical devices – Symbols to be used with information to be supplied by the manufacturer.

 

EN ISO 20417:2021.

Questa norma specifica i requisiti per le informazioni che devono essere fornite dal fabbricante di un dispositivo medico o di un accessorio per garantirne la corretta identificazione e un uso sicuro ed efficace. Questo documento è stato preparato per supportare i Requisiti Generali di Sicurezza e Prestazione del Regolamento (UE) 2017/745, fornendo indicazioni tecniche sui mezzi con cui è possibile soddisfare determinati requisiti.

Lo standard contiene:

  • considerazioni generali sulla determinazione delle informazioni da riportare
  • indicazioni su come queste devono essere presentate, inclusi gli elementi che devono essere preventivamente stabiliti per supportare la creazione di tali informazioni.
  • dei requisiti generali in merito all’identificazione dei dispositivi medici (o accessori) e alle informazioni di accompagnamento, allineati all’MDR.

Per informazioni di accompagnamento al dispositivo medico o documentazione che accompagna il dispositivo sono intese tutte le informazioni riportate sul dispositivo medico (o accessorio) stesso, o che sono fornite congiuntamente ad esso, e che sono destinate agli utilizzatori e/o agli operatori responsabili del trasporto e stoccaggio, dell’installazione, dell’uso, della manutenzione, e/o dello smaltimento del dispositivo medico o accessorio. Non comprendono invece le informazioni di marketing o il materiale promozionale, che è bene ricordare essere comunque soggetti a prescrizioni normative.

La tabella G.1 dell’Annex G dello standard mappa la corrispondenza delle clausole di questa norma con i GSPR del Regolamento; pertanto la conformità a questo documento fornisce un utile mezzo per dimostrare la conformità agli specifici GSPR indicati.

 

EN ISO 15223-1:2021

Questo standard specifica i simboli utilizzabili per esprimere le informazioni fornite con un dispositivo medico. Tali simboli possono essere riportati sul dispositivo medico stesso, sulla sua confezione o nei documenti che lo accompagnano.

Il ricorso a questo standard è incoraggiato dal Regolamento stesso, che nell’ultimo dei GSPR del paragrafo 23.1, recita “Ove appropriato, le informazioni fornite dal fabbricante assumono la forma di simboli riconosciuti a livello internazionale. I simboli e i colori di identificazione utilizzati sono conformi alle norme armonizzate o alle SC (specifiche comuni)”.

Lo standard, nella sua 4° edizione (2021), è armonizzato al Regolamento e contiene 25 nuovi simboli rispetto all’edizione precedente; la relazione tra questa norma europea e i GSPR del Regolamento è presentata nell’Annex ZA della norma.

Il vantaggio nell’utilizzo dei simboli armonizzati risiede nel fatto che essi permettono una rappresentazione rapida e coerente delle informazioni, sono efficaci e internazionalmente comprensibili, ovviando all’inconveniente delle traduzioni in molteplici lingue e risparmiando spazio.

Oltre a questi standard di carattere generale è opportuno valutare anche l’esistenza di eventuali standard specifici per una tipologia di dispositivi, i quali potrebbero contenere ulteriori requisiti per l’etichettatura di tali prodotti.

In linea generale, dunque, l’identificazione delle informazioni da fornire con il dispositivo è guidata dai GSPR e la loro espressione dagli standard sopracitati. La determinazione delle informazioni specifiche per il dispositivo, comprese le informazioni per la sicurezza del paziente o dell’utilizzatore, da riportare nelle informazioni fornite dal fabbricante, dovrebbe avvenire considerando inoltre molteplici aspetti, quali, ad esempio, il processo di gestione del rischio, la valutazione clinica del dispositivo, l’usabilità, ecc.

Infine, è bene ricordare che, oltre a tali informazioni, tutti i dispositivi devono recare la marcatura CE che indica la loro conformità alla Direttiva o al Regolamento e ne consente la libera circolazione nell’Unione e la messa in servizio conformemente alla loro destinazione d’uso.

L’etichettatura di un dispositivo medico è un aspetto fondamentale per la sua conformità al Regolamento e l’ottenimento del certificato CE, così come per la sua immissione in commercio, e per tutte le fasi di vita del dispositivo successive fino al suo utilizzo o smaltimento. In caso di dubbi nell’interpretazione delle norme durante la realizzazione o la revisione dell’etichettatura, rivolgersi ad un consulente preparato può essere d’aiuto.

Picture of Sara Simoncioni

Sara Simoncioni

Regulatory Affairs Executive

I nostri servizi associati a questo tema

Iscriviti alla newsletter di Clariscience

Articoli consigliati

Dall’entrata in vigore del Regolamento UE 2017/745 (MDR), la Svizzera è considerata dalla Commissione europea uno Stato terzo per quanto…
In un recente articolo abbiamo trattato la regolamentazione applicabile ai dispositivi medici in UK, e nello specifico nel territorio della Gran…
L’etichettatura è un elemento fondamentale per garantire l’uso sicuro ed efficace di un dispositivo medico da parte degli operatori professionali…
Il “Point of Care” è inteso in senso più ampio come “luogo vicino al paziente” o come luogo all’interno della…

Desideri avere maggiori informazioni sui nostri servizi?

SERVIZI

Desideri avere maggiori informazioni sui nostri servizi.