Skip to content

Dall’articolo scientifico al visual

Scopri quali sono i passaggi per tradurre i contenuti di una o più pubblicazioni scientifiche in un visual.

Picture of Giulia Cettolin

Giulia Cettolin

Medical Writing & Scientific Communication Executive
la costruzione di materiale promozionale visivo per un articolo scientifico

In un mercato estremamente competitivo come quello farmaceutico trovare un modo per far conoscere i propri prodotti e dare il giusto risalto agli studi che li riguardano è fondamentale.

Gli Informatori Scientifici del Farmaco (ISF) possono sfruttare i visual per condividere in modo rapido e incisivo le ultime novità relative all’uso dei prodotti che promuovono presso i professionisti sanitari.

Un visual è uno strumento di marketing, solitamente stampato (talvolta in versione digitale), che mira a presentare evidenze scientifiche di qualità in un formato sintetico, chiaro ed esteticamente accattivante.

In questo articolo esploriamo insieme il processo che consente di trasformare i contenuti complessi e dettagliati delle pubblicazioni scientifiche in un materiale promozionale visivo che si focalizzi sulle informazioni chiave e sia corredato da grafici e immagini che ne facilitano la comprensione.

Selezione delle pubblicazioni

Le pubblicazioni scientifiche devono essere scrupolosamente selezionate. Nella scelta, è opportuno privilegiare:

  • pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria;
  • pubblicazioni recenti, che riflettano gli ultimi sviluppi nel campo della ricerca farmaceutica;
  • pubblicazioni relative a sperimentazioni o studi clinici con disegni adeguati;
  • pubblicazioni che abbiano una rilevanza clinica diretta o che, comunque, contengano informazioni di interesse per i professionisti sanitari.

Dopo aver creato una rosa di potenziali fonti da considerare nella redazione del visual, è necessario effettuare un’ulteriore selezione per evitare l’inclusione di un numero troppo elevato di pubblicazioni e minimizzare la sovrapposizione dei contenuti.

Individuazione delle informazioni chiave

Considerando l’obiettivo del visual, è cruciale estrapolare soltanto le informazioni essenziali come gli obiettivi dello studio, i risultati e le conclusioni principali.

È altresì importante individuare quali dati possano trarre maggior beneficio da una rappresentazione grafica, rendendoli così immediatamente accessibili. Inoltre, è consigliabile valutare l’eventualità di utilizzare schemi o diagrammi per guidare efficacemente gli interlocutori nella comprensione di concetti complessi.

Elaborazione dei contenuti

Una volta selezionate le pubblicazioni e individuate le informazioni chiave, è possibile procedere con l’elaborazione del visual. In generale, la struttura di un visual ricalca questo schema:

  • presentazione del tema centrale;
  • contesto di utilizzo del prodotto;
  • riassunto delle pubblicazioni selezionate;
  • dettagli specifici sul prodotto (ad es. linee, formati di vendita, indicazioni d’uso ecc.).

Focus: i testi

Le sezioni del visual contenenti testi possono essere migliorate grazie ad alcuni semplici accorgimenti.

Innanzitutto, è bene che le parti testuali siano estremamente sintetiche, in modo da mantenere l’attenzione sulle informazioni chiave.

Inoltre, è preferibile adoperare un linguaggio scientificamente corretto, pur evitando un eccessivo grado di complessità tecnica.

Infine, per garantire la trasparenza e la tracciabilità delle informazioni, si consiglia di assicurarsi che sia sempre evidente da quale pubblicazione sono stati estratti i dati o le considerazioni presentate in quella particolare sezione del documento, inserendo opportuni riferimenti bibliografici.

Questo articolo fornisce un’indicazione di come è possibile convertire pubblicazioni scientifiche in materiali promozionali visivi destinati all’utilizzo da parte della forza vendita. Evidenzia inoltre come un’accurata elaborazione dei testi contribuisca a conferire chiarezza e accessibilità alle informazioni.

Il visual è però innanzitutto un materiale visivo, in cui gli elementi grafici svolgono un ruolo fondamentale nel veicolare in modo efficace il messaggio, catturando l’attenzione degli interlocutori e facilitando la comprensione delle informazioni presentate. Se desiderate approfondire questo aspetto, continuate a seguire la nostra rubrica.

Picture of Giulia Cettolin

Giulia Cettolin

Medical Writing & Scientific Communication Executive

I nostri servizi associati a questo tema

Iscriviti alla newsletter di Clariscience

Articoli consigliati

Il controllo storico è un approccio statistico utilizzato nei clinical trial per confrontare i risultati di un nuovo trattamento con…
Come trasformare i contenuti complessi e dettagliati delle pubblicazioni scientifiche in un materiale promozionale visivo che si focalizzi sulle informazioni…
La revisione regolatoria di un protocollo o di un report di uno studio clinico è un passaggio cruciale nel processo…
Come possiamo capire la rilevanza della rivista focalizzandoci solo sull’area di interesse? Esiste un modo, ed è quello della consultazione…

Desideri avere maggiori informazioni sui nostri servizi?

Incontra Clariscience al 63° Simposio AFI dal 5 al 7 giugno

Preoccupazione da MDR? Clariscience è la soluzione per i tu zoi DM a base di sostanze

SERVIZI

Desideri avere maggiori informazioni sui nostri servizi.

ABOUT US

Corporate

Scopri quali sono i valori alla base della nostra azienda, l’ecosistema all’interno del quale operano le persone che lavorano con noi, l’approccio che adottiamo nel rapporto con il cliente e le iniziative liberali selezionate e sostenute negli anni.

Work with us

Informati su eventuali posizioni aperte, invia la tua candidatura spontanea e scopri quali sono le caratteristiche dei profili professionali di chi già lavora con noi.

Programma segnalatori

Se operi nel settore life science, c’è una nuova opportunità che ti aspetta. Partecipando al Clariscience Referral Program potrai mettere a frutto economicamente la tua esperienza e la tua rete di contatti.

Desideri avere maggiori informazioni sui nostri servizi?