Le risposte alle domande più frequenti sull’UDI.

Paola Gallon

Paola Gallon

MW and Scientific Communication Coordinator
UDI

Il Regolamento (UE) 745/2017 sui dispositivi medici e il Regolamento (EU) 746/2017 sui dispositivi medico-diagnostici in vitro introducono un sistema di identificazione dell’UE per dispositivi medici basati su un sistema di identificazione univoca denominato UDI – Unique Device Identifier.

L’applicazione di tale codifica interessa ogni livello di confezionamento e imballaggio del dispositivo, dalla singola unità venduta fino all’imballaggio di spedizione. Questo, oltre a facilitare la tracciabilità dei dispositivi in tutte le loro fasi (dalla fabbricazione alla messa in commercio), aiuta sia i fabbricanti che le autorità competenti nell’adempimento dei compiti di vigilanza e di sorveglianza sul mercato.

L’introduzione dell’UDI ha, inoltre, l’obiettivo di ridurre gli errori medici e combattere il fenomeno della commercializzazione di dispositivi falsificati. Un migliore sistema di tracciamento ha un impatto positivo anche sull’acquisto, l’impiego e lo smaltimento dei dispostivi, sulla gestione delle loro scorte, portando a una maggiore efficienza complessiva con conseguente riduzione degli sprechi.

Scarica il documento con le risposte alle domande più frequenti sull’UDI pubblicato dalla Commissione Europea.

Pubblicato in

Argomenti

Paola Gallon

Paola Gallon

MW and Scientific Communication Coordinator

Iscriviti al Magazine di Clariscience.

Articoli consigliati