Una buona parte di articoli viene rifiutata semplicemente perché gli autori non danno seguito in modo sistematico e preciso alle richieste dei revisori.

Vi è mai capitato di presentare un manoscritto nella cui scrittura avevate messo tutte le vostre energie per poi vedervelo inspiegabilmente rifiutato? Non perdetevi d’animo! Siete in buona compagnia.

Anzi si tratta di una compagni assai grande. Uno studio ha riportato che il 62% degli articoli viene respinto alla prima submission. Alcune riviste, poi, respingono quasi il 95% degli articoli ricevuti.
Non occorre disperarsi; molti manoscritti potrebbero vedere la luce se affidati alle cure di un medical writer esperto.
Se l’ambito della ricerca non si adatta agli interessi della rivista, è probabile che l’articolo venga rifiutato senza nemmeno raggiungere i peer reviewers. Un’analisi attenda nella selezione della pubblicazione può fare la differenza.

La qualità dell’espressione è la seconda ragione per cui un manoscritto viene rifiutato. Se l’inglese non è la propria lingua madre, è probabile che la capacità di comunicare concetti fondamentali per la sopravvivenza del proprio articolo sia compromessa: frasi poco chiare, troppo lunghe e errori di sintassi possono essere efficacemente sistemati da un medical writer professionista.
Non proprio della stessa natura, sebbene assimilabili, sono gli errori commessi all’atto della formattazione di un manoscritto. Seguire le regole editoriali è noioso quando fondamentale. Un lavoro certosino che va fatto per ogni rivista alla quale si propone il manoscritto, seguendo le linee guida obbligatorie e i requisiti uniformi (ad esempio ICMJE, CONSORT, ecc.). La gestione della presentazione dell’articolo scientifico, a partire dalla formattazione dei testi e delle tabelle, può essere affidata all’esterno a dei professionisti a costi contenuti. Questo è un buon consiglio da seguire soprattutto se non si è abituati a presentare articoli con una certa frequenza e quindi si è “fuori allenamento”.

Finito? No! Una buona parte di articoli viene rifiutata semplicemente perché gli autori non danno seguito in modo sistematico e preciso alle richieste dei revisori. Anche in presenza di Major Corrections un articolo ha ancora ottime speranze di vedere la luce se siamo in grado di confutare le critiche, integrare le informazioni, riscrivere e aggiornare porzioni di testo.
Un articolo non pubblicato è un’occasione persa per se stessi e per la ricerca. In definitiva, la raccolta di dati clinici rappresenta un grande investimento di tempo e di denaro, oltre che d’impegno di tanti pazienti di buona volontà. Un lavoro attento in fase di redazione, formattazione e gestione delle relazioni con la rivista e con i suoi revisori costituisce un buon viatico per il successo di un manoscritto. Affidare a dei professionisti queste fasi di elaborazione del documento è quindi una scelta d’ordine di razionalità e responsabilità.

Pubblicato in

Argomenti

Articoli consigliati